Come si lancia un incantesimo d’amore?


Vuoi sapere come si lancia un incantesimo d’amore? Le fatture d’amore fai da te a disposizione sono tante (sia su questo sito che sul web in generale) ma, prima di metterle in pratica, è bene capire come si deve svolgere correttamente un rituale magico che ha come scopo quello di far innamorare una persona.

Gli incantesimi d’amore sono riti con i quali una persona cerca di legare a sè l’uomo o la donna dei propri desideri con la magia. La magia d’amore dunque, non è altro che il tentativo di piegare la volontà di un’altra persona alla propria. Detto questo è bene considerare quanto si desideri davvero la persona a cui è destinato l’incantesimo e, soprattutto, se c’è o ci potrebbe essere un po’ di affinità fra entrambi. I rituali d’amore, se ci si crede fortemente, funzionano davvero, ma gli effetti possono essere diversi a seconda dell’affinità fra noi e l’altra persona. Al di là della magia, se stiamo insieme a un uomo o una donna con cui fondamentalmente non c’è una vera e propria intesa, vivremo un rapporto poco soddisfacente per entrambi; e i rapporti poco soddisfacenti sono quasi sempre destinati a sfasciarsi. Chiarito questo concetto fondamentale vediamo ora come si lancia un incantesimo d’amore…

Come si lancia un incantesimo d’amore?

Non tutti gli incantesimi d’amore sono uguali, ma comunque ci sono due elementi che li accomunano e che sono fondamentali in i rituali magici: l’uso della voce e l’uso delle mani. La voce per recitare le formule. Le mani per compiere tutti i gesti necessari allo svolgimento del rito. Forse pensavate che parlassi di candele e fasi lunari, se non di altari e bacchette, ma la verità è che gli unici due strumenti magici veramente imprescindibili sono proprio la nostra voce e le nostre mani. La voce ci permette di emettere i suoni e, al di là dei significati delle parole, i suoni ci permettono di affermare la nostra volontà. Le mani invece oltre a permetterci di svolgere fisicamente il rituale, ci permettono di compiere gesti altamente simbolici. Gesti che insieme alla nostra voce, ci consentono di emanare il nostro desiderio sul piano astrale. Naturalmente esistono anche incantesimi in cui non si dice nulla e incantesimi in cui recita uno scongiuro senza compiere alcunché, ma sono casi particolari. Chiariti questi concetti passiamo ora all’analisi di un rituale completo per capire come si lancia correttamente un incantesimo d’amore.

Prima Parte

Prima di qualunque rituale, d’amore e non, è bene fare un bagno calda. L’acqua calda oltre a purificarci rilassa e distende i muscoli consentendoci di entrare nella giusta condizione psicofiscica. A piacere è possibile unire all’acqua erbe o spezie dai profumi particolari, possibilmente affini al tipo di incantesimo che dobbiamo lanciare. Per i rituali d’amore sono da priviligiare fragranze dolci, ad esempio caramello, cioccolato e vaniglia. Dopodiché ci si riveste con abiti puliti, ma come vestiario sarebbe meglio optare per una tunica bianca di lino leggerissima (e nient’altro, neanche la biancheria) appositamente consacrata per i rituali. Inoltre bisognerebbe togliersi tutti gli oggeti metallici che si indossano, quindi anelli, piercing, etc. e rimanere a piedi nudi.

Seconda Parte

Solitamente viene tracciato un cerchio magico, se non si dispone di un cerchio magico permanente. Il cerchio può essere tracciato con un gessetto oppure con del carbone, dopodiché va consacrato con acqua benedetta recitando una formula di protezione o una preghiera comune. Non è importante tracciare cerchi magici complessi, ad esempio quelli con i simboli cabalistici riportati negli antichi grimori. Quelli sono cerchi evocatori. L’importante, nei rituali d’amore, è delineare lo spazio operativo. Il cerchio deve avere un diametro di almeno due metri e comunque deve essere ampio al punto tale da poterci consentire di sdraiarci al suo interno senza che fuoriescano gli arti.

Terza Parte

Dopo aver aperto il cerchio si svolge il rituale vero e proprio. A seconda dell’incantesimo che stiamo facendo dovremmo recitare parole diverse e fare gesti diversi, ma è bene comunque ricordare certe regole di base. Innanzitutto le formule magiche non vanno lette, ma vanno recitate a memoria. Quando vengono recitate bisogna intornarle con autorevolezza cercando di scandire bene le parole. Inoltre bisogna essere fermamente convinti delle parole che si proferiscono, anche quando non si conosce il significato letterale di certe parole. Risulta molto importante anche la concentrazione. Quando si sta recitando una formula o si sta facendo ripetutamente un certo gesto bisogna rimanere concentrati su ciò che si sta facendo senza pensare ad altro. Inoltre bisogna anche visualizzare intensamente l’oggetto del nostro desiderio attraverso delle immagini nella nostra mente. Se recitate una frase tipo: “Alberto d’ora in poi mi amerai e sarà legato solo a me”, dovete immaginare la persona davanti a voi in carne ed ossa, immaginarla che sta già con voi, nei più minimi dettagli. Nei rituali d’amore in particolare bisogna cercare di allineare i propri pensieri alla sfera dell’amore. Più si sarà voluttuosi e sensuali più l’incantesimo sarà efficace. Il simile attira il simile, se avrete pensieri negativi durante il rito attirerete soltanto pensieri negativi. Durante un rituale d’amore dove pensare, visualizzare e immaginare l’amore che desiderate e nient’altro.

Quarta Parte

Di solito l’ultima parte del rituale, comprende l’eliminazione dei “testimoni” usati durante il rituale stesso. In alcuni casi vengono gettati nei corsi d’acqua, in altri vengono tenuti in casa e in altri vengono sotterrati in luoghi specifici, come nei dintorni della casa del destinatario dell’incantesimo d’amore. Bisogna attenersi scrupolosamente a queste indicazioni, poiché ogni luogo ha un significato simbolico diverso e una diversa attività sul piano astrale.